Martedì, 09 Dicembre 2014 16:03

Lo sport italiano piange Angelo Vassena

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

Angelo Vassena, campione indiscusso della motonautica e medaglia d’oro al valore olimpico.

 

Angelo Vassena

Angelo Vassena

È improvvisamente morto ieri pomeriggio a Milano, Angelo Vassena, 81 anni, grande sportivo

A tredici anni, imprigionato dentro un sommergibile che sembrava bloccato sul fondo dalla melma, Angelo Vassena capì all'improvviso che cosa era la paura. Poi ha continuato a rischiare lanciandosi col paracadute o viaggiando a 200 orari sull'acqua, o attraversando settecento kilometri di mare su un gommone, perchè per lui vivere significava così, fermarsi vuol dire vegetare.

E la vita senza emozioni cosè? Angelo: "Quanto ti stacchi dall'acqua e a me è successo all'Idroscalo, non hai il tempo di avere paura, non puoi ribellarti a cio' che sta accadendo, si tratta di centesimi di secondo, magari ti svegli all'ospedale e non ricordi più nulla, sai soltanto che sei vivo e sei contento. Non temo la morte, temo solo che arrivi in modo stupido. Quando guido l'auto e leggo ad esempio "caduta massi" provo un senso di fastidio. Dopo aver superato tanti ostacoli sarebbe sciocco cadere al più banale."

"... Sono in seconda posizione, ho davanti Renè Garcies, sto per doppiarlo, viaggiamo a 150 orari; all'improvviso il suo fuoribordo fa un looping, schizza in aria come impazzito e ricade di punta. C'è una specie di accordo fra di noi, se chi è difficoltà alza tutte e due le braccia vuol dire che sta bene. Invece vedo il casco riemergere e lui venire a galla lentamente, senza dare il minimo segno di vita. Mi fermo e gli vado vicino, lo afferro e lo trascino sulla fiancata del mio catamarano. La vittoria? Ma chi pensa più alla vittoria in certi momenti!..."

Angelo odiava la routine, che secondo lui, accorcia la vita: "ieri come oggi, oggi come domani e così via, che gusto c'è" ?

PERSONAGGIO DI GRANDE caratura internazionale, atleta polivalente. Prima nuotatore alla Canottieri Lecco, calciatore, motociclista, sommergibilista con il batiscafo C.3 Vassena e sommergibile “Nautile”, paracadutista, quindi pilota di go-kart campione italiano classe 200 cc. e partecipante ai Mondiali di Nassau, Bahamas. Entra definitivamente in motonautica nel ’64, dopo aver fatto una apparizione già nel ’50 partecipando al raid Milano-Venezia con motore Vassena e battello Pirelli. Da quel momento vince gare in serie, tra cui la 100 km. sulla Senna-Parigi, due volte nella classe 850 cc., la 6 ore di Parigi, la 6 ore di Berlino, la 6 ore di Lecco, la 6 ore di Buenos Aires, la 6 ore di Milano e la 6 ore di Durban (S.A.), la Centomiglia del Lario, la 24 ore di Chasewater, anni di attività, vince ben dieci titoli italiani, nove titoli europei in categorie varie, il primo nel ’70 nella classe 1.000 Sport, l’ultimo nel ’78 nella classe 3 Offshore fuoribordo. Inoltre ottiene ben dieci record mondiali, nell’850 fuoribordo corsa: velocità, fondo, 1, 2 e 3 ore nel ’68 a Sabaudia. Quindi record di velocità nella classe 1.000 cc. a 104,651 km./h. sempre a Como, località dove realizza anche il record mondiale nelle 24 miglia. Poi nella velocità classe 850 cc. battelli pneumatici a 105,450 km./h. L’ultimo nell’89 sul Lago di Como in classe 1 Offshore, nell’ora con km./h. 136,991, 2 ore km./h. 135,077, e 3 ore 130,700. Nello stesso anno nella classe 2 Offshore conquista la vittoria nella 1.000 km. del Rio-Parana, Buenos Aires. In carriera le vittorie sono oltre 150. Inoltre è stato insignito della Stella d’Oro al Merito Sportivo e Argento e Oro al valore atletico. Quale dirigente, è stato Presidente della Federazione Italiana Motonautica e quindi consigliere, Senior Vice-president dell’Union International Motonautique- Monaco e membro del Consiglio dello Yacht Club Costa Smeralda. Fondatore e primo Presidente dello Yacht Club del Garda. Da gennaio 2005 eletto Presidente dell’Associazione Medaglie d’Oro al Valore Atletico.

Letto 3332 volte Ultima modifica il Martedì, 09 Dicembre 2014 17:27